My Korian

Ernia del disco: una nuova tecnica laser nella live surgery di Kinetika

La nuova tecnica PLDD per la cura dell’ernia durante un’operazione chirurgica in live streaming, a Sant’Elena, con medici collegati da tutto il mondo

La tecnica di Decompressione Discale Percutanea con Laser (PDLL) è l’innovativa metodologia di intervento chirurgico mini-invasivo utilizzato nella cura di patologie discali, come ernie del disco ma che trova applicazione anche in ambito cardiovascolare. Effettuata per mezzo di laser, la PLDD agisce sull’ernia discale attraverso la denaturazione, con conseguente riduzione della superficie discale in eccesso che provoca l’ernia.
Questa tecnica, che si effettua in anestesia locale, e non richiede ospedalizzazione, riduce possibili danni ai dischi cartilaginei, proprio grazie all’utilizzo del laser e alla minore invasività dell’operazione rispetto ad interventi chirurgici; viene utilizzata su pazienti per cui un’operazione chirurgica tradizionale potrebbe risultare eccessivamente invasiva e rischiosa.
Lo scorso 10 marzo, la tecnica di Decompressione Discale Percutanea con Laser è stata utilizzata presso il centro Kinetika Sardegna – Sant’Elena durante un’operazione condotta in Live Surgery dall’equipe del Dott. Mauro Costaglioli, Specialista Ortopedico, Chirurgo Vertebrale e responsabile della Unità Operativa di Chirurgia Vertebrale, Cervicale e Mini-invasiva del gruppo Korian.
L’operazione ha coinvolto un team di specialisti da tutto il mondo, durante un live streaming dell’operazione durante la quale i dottori potevano monitorare in diretta l’andamento dell’operazione.

 

Laser Chirurgia Costaglioli pldd

Abbiamo chiesto al Dottor Costaglioli di spiegarci nei dettagli il funzionamento di questa innovativa modalità d’intervento e il suo giudizio sull’efficacia di operazioni condotte in Live Surgery:

La tecnica è utilizzata nel trattamento di alcuni tipi di ernia del disco, ma ha applicazione anche in altri campi, non solo ortopedici.
Si utilizza un apparecchio che emette una luce laser con una determinata lunghezza d’onda che raggiunge l’ernia tramite una speciale fibra ottica inserita nel disco intervertebrale con tecnica mini invasiva percutanea.
Con un diverso settaggio l’apparecchio può essere applicato in diversi campi, uno dei più classici è quello vascolare. La tecnica è infatti molto utilizzata anche nel trattamento delle patologie venose e nella nostra clinica viene utilizzata anche per questo.

Il 10 marzo l’Equipe del Dottor Costaglioli in collaborazione con la UBER ROS ha organizzato un Live Surgery di Chirurgia Vertebrale sulla tecnica PLDD alla quale hanno partecipato chirurghi da tutto il mondo (Brasile, Thailandia, Grecia, Spagna e Italia).

Il riscontro è stato assolutamente positivo, non solo da parte dei chirurghi meno esperti, ma anche da parte dei colleghi che utilizzavano già questa tecnica.
Ci sono infatti molte varianti di utilizzo della tecnica e un pregio del seminario è stato il tentativo di uniformare i protocolli a livello mondiale, perché al momento esistono delle pubblicazioni, ma non sono delle vere linee guida, più che altro dei report di esperienze di vari centri.

 

La tecnica PLDD è un’innovazione tecnologica di grande importanza, utile soprattutto per le fasce di età più anziane e più giovani, per i quali si preferisce evitare interventi troppo invasivi. Si utilizza una strumentazione non ancora molto diffusa in Italia, di cui la Casa di Cura Sant’Elena è, ad oggi, un punto di riferimento:

Ho sperimentato la tecnica per la prima volta quasi dieci anni fa, anche se con strumenti più rudimentali. In Sardegna siamo stati i primi a utilizzare la tecnica PLDD. Ho imparato la tecnica in Germania e poi l’abbiamo utilizzata a Cagliari e siamo stati i primi a farlo. Il nostro centro è un punto di riferimento; merito senza dubbio dell’esperienza. C’è qualcun altro che si è approcciato ultimamente alla tecnica, io stesso ho insegnato ad alcuni colleghi in Sardegna, ma ovviamente nel momento in cui si è pensato di individuare un centro che potesse fare formazione hanno pensato a noi.

 

I vantaggi della tecnica PLDD tramite laser sono molti, in primis la mini-invasività:

La tecnica è molto meno invasiva dell’intervento chirurgico, si effettua in anestesia locale e non richiede ospedalizzazione, perché è un Day Surgery. La mini invasività consente di trattare pazienti anche affetti da altre patologie e consente un rapido recupero. Non essendoci una ferita chirurgica non c’è bisogno di medicazioni e ci sono molto meno rischi di complicanze.

 

Il Dottor Costaglioli opera attualmente presso la Casa di Cura Polispecialistica Sant’Elena in Sardegna tramite l’innovativa tecnica chirurgica laser PLDD, facendosi promotore di un avanzamento tecnologico realmente importante per il Gruppo Korian, sempre attivo nell’incoraggiamento di formazione, ricerca e sviluppo.

Gli utenti hanno guardato anche:

Casa di Riposo Residenza San Vincenzo

Gravedona ed Uniti

Scopri i dettagli

Riabilia

Bari

Scopri i dettagli

Villa Marica

Bari

Scopri i dettagli