My Korian

Patente e anziani: consigli per i guidatori della terza età

Siete avanti con gli anni ma la passione per la guida non vi abbandona? Niente paura, del resto anche la Regina Elisabetta si è fatta recentemente immortalare alla guida del suo SUV alla veneranda età di 89 anni!

car-522411_640

E perché mai privarsi di un piacere così grande quando i riflessi rispondono ancora? A tal proposito, la Regina, che di farsi accompagnare dal suo chauffeur proprio non ne ha voluto sapere, avrebbe deciso di recarsi al “Royal Windsor Horse Show”, guidando una potente Range Rover e facendo accomodare al suo fianco il suo autista – guardia del corpo.

Naturalmente, la sicurezza in strada deve avere sempre la priorità sulle sensazioni, seppur positive che siano. Vediamo quindi come continuare a guidare, quando rinnovare la propria patente e a quali visite sottoporsi se si è oltrepassata una certa età.

Il nuovo codice della strada ha prodotto cambiamenti che hanno avuto un forte impatto sul mondo delle 4 ruote, essendo mirati a migliorare la sicurezza sulle strade e a ridurre sensibilmente il numero – purtroppo ancora troppo elevato – di vittime della strada. Come prescritto dalla legge pubblicata il 15 settembre del 2010 sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, gli over 80 hanno l’obbligo di rinnovare la patente ogni due anni (a differenza dei tre anni prescritti in precedenza), sottoponendosi a visite mediche più accurate di quanto lo siano state in passato.

Secondo il nuovo codice della strada che è ancora al vaglio di specialisti e politici, e che potrebbe debuttare nei prossimi mesi, neopatentati ed over 80 potrebbero avere la possibilità di guidare soltanto veicoli con potenza contenuta. Il limite di potenza, tuttavia, potrebbe decadere nel momento in cui l’ottuagenario accettasse di sottoporsi a visite mediche più approfondite, presso una commissione medica locale che accerti il buono stato di vista ed udito.

Una normale visita presso l’ASL, farebbe invece scattare il già citato limite di potenza. Il mancato rinnovo delle visite a cadenza annuale (e non più biennale), produrrebbe come risultato quello di poter guidare, per un solo altro anno solare, quadricicli leggeri e ciclomotori a tre ruote, e di esimersi dal condurre qualsiasi automobile.

Gli utenti hanno guardato anche:

Villa delle Terme

Impruneta

Scopri i dettagli

Casa di Riposo Residenza Anna e Guido Fossati

Monza

Scopri i dettagli

Casa di Riposo e Centro Alzheimer Saccardo

Milano

Scopri i dettagli