Milano festeggia i 90 anni di Arnaldo Pomodoro

My Korian

Milano festeggia i 90 anni di Arnaldo Pomodoro

Arnaldo Pomodoro, il più grande scultore del XX e XXI secolo, ha raggiunto il traguardo dei 90 anni e Milano, la città che da oltre 60 anni lo ha adottato, diventando a tutti gli effetti la sua nuova casa, lo festeggia con una grandiosa antologica: ben due mesi di esposizioni site in quattro sedi diverse per permettere a tutti, cittadini e turisti, estimatori dell’artista o meno, di scoprire il mondo di Arnaldo Pomodoro con un percorso completo attraverso la città spettatrice della sua evoluzione.

sfera1

Arnaldo Pomodoro si dichiara imbarazzato all’idea di doversi sentire orgoglioso della sua arte, dal momento che non è un’invenzione da considerarsi oggettivamente utile. Eppure, la sua arte, pur non essendo “utile” e pur rimanendo lo sfogo personale di un ragazzino inquieto e curioso, isolato, ma con un universo di sogni brulicanti in testa, ha segnato indiscutibilmente gli spazi con la quale è entrata in contatto e che ha irreversibilmente modificato.

In effetti, la vita di Arnaldo Pomodoro comincia a Morciano di Romagna nel 1926, ma l’artista si distacca ben presto dalla sua terra natia per scoprire l’universo circostante e da quel momento in poi la sua esistenza è un infinito susseguirsi di scoperte e incontri: dapprima un gioielliere di Pesaro che crea i suoi monili colando l’oro tra due ossi di seppia, enorme fonte di ispirazione dal punto di vista tecnico, poiché l’artista imparerà a fare lo stesso con il piombo fuso sul fornello a gas; in seguito verranno gli incontri con Peggy Guggenheim che avrebbe poi portato una delle celeberrime “sfere” di Arnaldo Pomodoro al MoMa e infine l’illuminazione dell’acceleratore di particelle che l’artista poté osservare a Stanford nel 1966, un pozzo sul fondo del quale brulicavano esseri umani. Lì, dichiara lo scultore, ha compreso come fosse possibile occupare lo spazio.

Ed in effetti, è sempre di spazio che si parla quando si considerano le opere di Arnaldo Pomodoro. Spazio creato, spazio occupato, spazio modificato. Le sue sfere, la prima delle quali è stata realizzata nel 1963, sono oggi sparse in tutto il mondo e sono perfettamente integrate nell’ambiente che occupano e rappresentano esse stesse uno spazio autonomo. Sono cristalli, nuclei, occhi o fuochi, dice il loro creatore, comunque universi che si sprigionano nello spazio ma che in se stessi si concludono.

E sarà lo spazio, ancora una volta, protagonista dell’antologica con cui Milano ha intenzione di celebrare Arnaldo Pomodoro. Il ciclo di esposizioni durerà dal 30 novembre 2016 al 5 febbraio 2017 e sarà strutturato come un percorso che toccherà quattro diverse sedi. Innanzitutto, Palazzo Reale dove saranno esposte trenta opere dello scultore e la Piazzetta Reale dove i visitatori potranno ammirare l’environment “The Pietrorubbia Group”, sedi, queste, che cercheranno di riassumere il percorso di ricerca dell’artista dal 1955 ad oggi. L’itinerario, proseguirà poi alla Triennale di Milano e alla Fondazione Arnaldo Pomodoro dove dei progetti visionari introdurranno gli spettatori al rapporto con il mondo dell’architettura, e si concluderà al Museo Poldi Pezzoli con 16 modellini scenici alla scoperta dell’universo teatrale.

Gli utenti hanno guardato anche:

Casa di Cura Policlinico Città di Quartu

Quartu Sant'Elena (CA)

Scopri i dettagli

Casa di Riposo Residenza Villa Antea

Vidigulfo (PV)

Scopri i dettagli

Casa di Riposo Residenza Anna e Guido Fossati

Monza (MB)

Scopri i dettagli